WhatsApp – In Arrivo la Videochiamata

whatsapp-in-arrivo-la-segreteria-telefonica-v2-260119

Oggi spostiamo la nostra attenzione su WhatsApp, la piu’ importante messaggistica istantanea al mondo.
Dopo l’acquisizione della stessa da parte di Facebook, abbiamo potuto notare alcuni cambiamenti, anche se non tantissimi, come ad esempio la crittografia end-to-end (che rende le nostre conversazioni segrete) e l’eliminazione dell’abbonamento annuo per l’utilizzo dell’app.

Sono tanti i rumors che circolano sul web riguardo WhatsApp e i suoi aggiornamenti sia su iOS che su sistema Android. Ovviamente abbiamo raccolto le voci che ci sembravano piu’ attendibili e adesso ve ne parliamo.

La prima novità riguarda l’ingresso della segreteria telefonica, grazie alla quale saremo in grado di registrare un messaggio da inviare qualora ci arrivasse una chiamata mentre siamo occupati in un’altra conversazione.

Inoltre apparirà nella schermata principare di WhatsApp anche il tasto Call-Back.
Semplicemente cliccando sull’icona potremo effettuare la richiamata di una chiamata persa senza entrare necessariamente nell’applicazione.

Ma la novità più entusiasmante riguarda senza dubbio l’ingresso della videochiamata.
Sembra infatti che con il nuovo aggiornamento di WhatsApp comparirà anche il tasto Video-Call.
Lo scopo è sicuramente quello di sfruttare le chiamate Wireless evitando costi aggiuntivi. Inoltre si sa che in condizioni ottimali, durante una chiamata in Wi-Fi, la voce è sicuramente più nitida rispetto alle telefonate classiche.

Quello che nn ci è ancora chiaro è se ci sarà la possibilità di effettuare videochiamate di gruppo. In questo caso è richiesta una qualità di banda eccellente per ottenere immagini fluide.

Sembrano attendibilissime le voci riguardanti l’ingresso di file zippati.
Per risparmiare nel traffico dati, potremo comprimere i nostri file e mandarli nel formato Zip.

Come abbiamo detto l’aggiornamento di WhatsApp arriverà prima di tutto su iOS, e poi sul sistema Android.
Ovviamente sara’ disponibile anche sui Windows Mobile, seppure più lentamente.